PRENOTA UNA VISITA

Compila il seguente modulo, il nostro team ti mostrerà gli uffici all’orario più comodo per te.






Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003.

Your browser does not support JavaScript!. Please enable javascript in your browser in order to get form work properly.

10 suggerimenti per essere sempre concentrato al lavoro!

10 suggerimenti per essere sempre concentrato al lavoro!

Uno degli aspetti che più influiscono sulla produttività nell’esercizio di una professione è la capacità di rimanere concentrati e performanti tutti i giorni.

1. NO al Multitasking!

Leggere le mail, spulciare i social, scattare ad ogni notifica o chiamata in arrivo: sono distrazioni continue nelle nostre giornate, ma il nostro cervello ha bisogno di un lasso di tempo per entrare in funzione e passare freneticamente da un’attività all’altra riduce molto la nostra concentrazione abbassando la produttività.

 

2. La gestione dei rumori

I rumori indesiderati, derivati da cellulari, chiacchiericcio o altro, costituiscono una fonte di disturbo e di distrazione. Un utile suggerimento è quello di ascoltare musica, perchè aiuta ad estraniarsi dal contesto in cui si opera.

 

3. Postazione di lavoro ordinata

Un ambiente di lavoro pulito, minimal, privo di troppi gadget ed oggetti inutili è il modo migliore per rimanere concentrati al lavoro: è importante lasciare sulla nostra scrivania solo gli oggetti di cui abbiamo bisogno.

 

4. Tecnica del pomodoro

Il metodo ideato negli anni ’80 dallo studente Francesco Cirillo è in realtà molto semplice da utilizzare.
-Impostare il timer a 25 minuti e sfruttarli al meglio per svolgere un’attività;
-una volta che il timer suona smettere all’istante di lavorare per i successivi 5 minuti;
-terminati 4 cicli da 25 minuti prendersi una pausa di almeno 20 minuti prima di ricominciare un nuovo ciclo.
Questa distribuzione dei tempi di lavoro e di riposo è uno dei metodi più utilizzati per abituare il cervello ad avere performance costanti senza metterlo troppo sotto stress.

 

5. Mangiare sano

Spesso in ufficio stuzzichiamo cibi che si trovano nei distributori e ingeriamo troppi zuccheri. Bisogna puntare maggiormente sulla frutta e lasciar perdere tutti quegli snack che fanno impennare il glucosio solo per pochi minuti, altrimenti a momenti di iperproduttività si alternaneranno momenti di totale stanchezza.

 

6. Vivere da “nomadi” il proprio ufficio

Cambiare spesso posizione, alzarsi dalla sedia e sgranchirsi le gambe scambiando due chiacchiere con un collega o per prendersi un caffè in area relax aiuta a mantenersi svegli ed attivi. Spostarsi, aiuta ad avere ottime performance nell’arco della giornata.

 

7. Quanto manca?

Evitate di avere orologi in ufficio e magari impostate una sveglia avvisi che è tempo di andare via, permette di essere concentrati su ciò che abbiamo da fare.

 

8. Ambienti illuminati

La luminosità in ufficio permette di abbassare lo stress e mantenere una certo livello di produttività. Bisogna strutturare lo spazio in modo che non ci siano mai zone buie o sovraesposte e mantenere il giusto equilibrio.

 

9. Lista di cose da fare

L’effetto Zeigarnik è uno stato di tensione che proviamo nel momento in cui non abbiamo ancora portato a termine un compito. Per questo è sempre bene crearsi una lista di cose da fare in modo da avere sempre sotto mano tutte le attività che ancora devono essere completate ed uscire dall’ufficio con la serenità giusta per aver svolto tutto il lavoro prefissato.

 

10. Casa è casa

Portarsi il lavoro a casa, non aiuta il cervello a staccare e riposarsi dopo una giornata intensa di attività.Distrarsi, è una tecnica efficace per risolvere un problema, perchè il nostro cervello non smette mai di elaborare informazioni, anche inconsciamente a darci la soluzione giusta al momento opportuno.

 

 



PRENOTA UNA VISITA

Compila il seguente modulo, il nostro team ti mostrerà gli uffici all’orario più comodo per te.

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003.